scopri prossimo < > < >

2 Marzo 2019 Survey

Il survey, uno strumento decisivo per la pianificazione di una strategia di marketing

 

La personalizzazione è un tema centrale nell’universo del Web Marketing e, specialmente negli ultimi anni, si è notato come il cucire il lavoro attorno al cliente sia una delle strade da percorrere per ottenere dei risultati soddisfacenti.
Il marketing personalizzato è una strategia basata su una comunicazione one-to-one tra clienti ed azienda, che crea una comunicazione mirata che veramente risponde ai bisogni e alle necessità del suo target.

Le comunicazioni personalizzate, secondo uno studio di Marketing Land, una pubblicazione quotidiana che tratta di tutti gli aspetti del marketing digitale, hanno tassi di conversione sei volte più alti rispetto a quelle standardizzate e tassi di clic superiori del 41% rispetto ai messaggi non personalizzati.

Il primo passo per poter offrire comunicazioni personalizzate però è conoscere le preferenze degli utenti e per fare questo è necessario raccogliere molte informazioni. Come fare? Tra i metodi più utili ed efficaci ci sono sicuramente i survey, ossia i sondaggi.

 

I vantaggi che un sondaggio può portare alla nostra attività

 

“La tua opinione è importante” può sembrare, ormai, una frase comune ed inflazionata con cui iniziare quest’attività ma i feedback da parte dei clienti -potenziali e reali- sono veramente fondamentali per un marketer.

Il sondaggio, infatti, non si limita alla mera soddisfazione del cliente. Vediamo le altre ragioni per cui ti consigliamo di realizzarne uno:

 

  • Ricerca e analisi del mercato di riferimento
    Dal momento che le spese di marketing sono un elemento importante del bilancio di un’attività, prima di destinare fondi specifici bisogna essere certi che queste porteranno al successo. Una ricerca di mercato può aiutare a comprendere diversi aspetti del mercato di riferimento, permettendo così di migliorare la qualità delle decisioni.

 

  • Misurare la brand awareness
    È difficile sapere cosa il mercato di riferimento pensi davvero del tuo marchio. Un sondaggio sulla consapevolezza del brand permette di capire esattamente l’opinione dei clienti sulla tua azienda.

 

  • Ottenere informazioni sui prodotti
    I tuoi prodotti soddisfano realmente le esigenze del mercato? L’invio di un sondaggio di feedback sui prodotti ti permetterà di ottenere informazioni fondamentali riguardo al miglioramento e all’innovazione degli stessi, soprattutto quando questi sono ancora in fase di test.

 

  • Scoprire come ti posizioni rispetto ai competitors
    Attraverso un survey hai la possibilità di capire chi sono i competitors che più devi tenere controllati.

 

  • Identificare i dati demografici dei clienti
    Chiedi ai potenziali clienti i dati come il loro sesso, l’età, la posizione lavorativa, il reddito, quanti figli hanno e altro ancora. Conoscerli nel dettaglio ti permetterà di segmentare il mercato di riferimento.

 

  • Trasformare il feedback dei clienti in testimonianze e report
    Un altro uso che puoi fare di un sondaggio è quello di utilizzare i feedback dei clienti felici come garanzia per attrarne di nuovi.

 

  • Ricevere opinioni sulla tua attività
    L’attività del sondaggio può essere realizzata con costanza per testare i pareri del pubblico, le loro posizioni, i loro gusti su quelli che sono i tuoi prodotti e i servizi. È un modo per migliorarsi sempre e fidelizzare i propri clienti.

 

  • Interagire con la community
    Aiuta anche nell’aumentare lo sharing, ossia il livello di condivisione, in particolare sui social media. Perché ogni utente che partecipa ad un sondaggio condivide spesso quei risultati rendendo partecipe anche la sua cerchia, aumentando, così, la conoscenza del tuo brand presso un nuovo pubblico.

 

Cosa avere chiaro prima di creare un survey

 

Realizzare un survey è facile. Tuttavia, prima di addentrarci nel come farlo al meglio, è opportuno avere chiari alcuni punti.

 

  • Qual è il motivo per cui hai deciso di svilupparne uno?
  • Quante e quali informazioni vorresti raccogliere?
  • Quali e quanti dati ti servono per ottenere un risultato tangibile?
  • Che azioni attuerai una volta completatolo?

 

Dopo aver ben chiaro tutto questo, potrai passare alla fase successiva, quindi organizzare la struttura del sondaggio, decidere quali domande inserire e come accompagnare gli utenti al completamento delle stesse.

 

Consigli pratici per creare un survey di successo

 

Nella creazione di un sondaggio ci sono alcuni consigli pratici che è bene seguire per evitare che questo prezioso strumento di marketing si trasformi in un boomerang e in una perdita di tempo per te e per il tuo pubblico:

 

  1. Il sondaggio deve essere breve e veloce
    Creando sondaggi troppo lunghi corri il rischio che non vengano completato. Cerca di stare nelle 15- 20 domande massimo.
  2. Inserisci domande chiare e mirate
    Essere preciso in quello che chiedi è fondamentale per far sì che il sondaggio venga completato più velocemente. Domande mirate ti aiutano ad ottenere risposte specifiche.
  3. Inserisci opzioni di risposta semplici da capire
    Invece di inserire numeri per esprimere una valutazione è consigliabile per esempio utilizzare opzioni come “abbastanza soddisfatto” o “molto soddisfatto”. Un numero a volte è fuorviante.
  4. Mantieni alta l’attenzione
    Approcciare l’argomento in maniera interessante permette di incuriosire l’utente e fare in modo che non abbandoni il sondaggio prima della fine.
  5. Premia i partecipanti
    Senza dare ai tuoi utenti un valido motivo per partecipare al sondaggio, difficilmente ci sarà qualcuno che lo completi. Il sondaggio infatti è percepito come qualcosa di lungo e noioso; per convincere il tuo target a completare il survey potresti offrirgli un contenuto da scaricare, un buono sconto, la partecipazione ad un contest.

 

Per concludere, il sondaggio è uno strumento prezioso da tenere in considerazione a fini strategici. L’importante, come in tutte le cose, è non abusarne perché non rappresenta l’unico strumento a disposizione. È fondamentale sia sempre affiancato da altri strumenti all’interno di una strategia di comunicazione mirata e ben pianificata.